Manutenzione impianti rilevazione incendi   


Gli impianti di rilevazioni incendi, fanno parte della categoria degli impianti di protezione attiva antincendio.

La norma tecnica di riferimento per la progettazione e realizzazione, è la UNI 9795/2010 "Siatemi fissi automatici di rilevazione e segnalazione incendi"

Tale tipologia di impianti ha l'obbiettivo di rilevare, nel piu breve tempo possibile, prima dell'inizio del "flash over", i prodotti della combustione, fumo e calore, attraverso dei sensori puntiformi, i rilevatori e/o sensori lineari, le barriere, ed attivare gli allarmi ottico acustici, udibili in tutte le aree dell'attività, affinchè il personale presente sia allertato e si comporti come previsto dal piano di emergenza ed evacuazione.

Oltre al fumo ed al calore, tali impianti, possono rilevare la presenza di gas a livello naturale, esempio metano, gpl, ammoniaca, ecc. la differenza, in questi casi è data dal posizionamento dei sensori, in basso, m.0,50/ 1,50 m dal pavimento per la rilevazione di gas/vapori pesanti, (anidride carbonica, idrogeno solforato, vapori di benzina), a 0,50 m da soffitto per la rilevazione del gas/vapori leggeri(metano, ammoniaca, acetone,ecc.)

La manutenzione degli impianti di rilevazione incendi deve essere eseguita nel rispetto della norma UNI 11224, la quale prevede la redazione di due modelli di manutenzione:

- A - la presa in carico dell'impianto da parte del manutentore (mod.A)
- B - controllo periodico semestrale (Mod.B)

Le fasi della manutenzione sono sinteticamente di seguito riportate:

CONTROLLO INIZIALE

Inizio della manutenzione con presa in carico di un sistema o un impianto di rilevazione da parte dell'azienda manutentrice.

SORVEGLIANZA

Almeno ogni 30 giorni secondo un piano a cura del responsabile del sistema di rilevazione.

CONTROLLO PERIODICO

Almeno ogni 6 mesi, a cura di un’azienda specializzata secondo il piano di manutenzione programmato dal responsabile del sistema.

MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Secondo l’esigenza, per riparazioni di particolare importanza

REVISIONE DEL SISTEMA

Almeno ogni 10 anni, secondo indicazioni normative e legislative in funzione delle apparecchiature impiegate o delle istruzioni dei costruttori delle apparecchiature.

La "persona responsabile" delle attrezzature antincendio, deve predisporre, firmare e tenere aggiornato, il registro antincendio, annotando le manutenzioni eseguite.